Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Visione Velo Alpina: una pista ciclabile attraverso le Alpi

01/09/2020 / CIPRA Italia
La pista ciclabile Alpe-Adria o i percorsi Eurovelo: nelle Alpi ci sono già piste ciclabili transfrontaliere a lunga percorrenza. Manca ancora un percorso che attraversi tutti i Paesi alpini. Un progetto per valutare la fattibilità di una “Velo Alpina” vuole colmare questa lacuna.
Image caption:
Una pista ciclabile a lunga percorrenza attraverso l’arco alpino: la CIPRA persegue questa visione con Velo Alpina. (c) TS

Viaggiare in bicicletta è uno dei modi migliori per scoprire culture e paesi: abbastanza veloce per muoversi bene – e sufficientemente lento per conoscere la cultura, la cucina e la gente lungo il percorso. Andare in bicicletta, inoltre, aguzza l’occhio per il paesaggio, la natura e la biodiversità. Le piste ciclabili a lunga percorrenza diventano sempre più popolari e con le e-bike anche le tappe in montagna più impegnative diventano piacevoli. La visione alla base di Velo Alpina è quella di collegare tra di loro le piste ciclabili di lunga percorrenza esistenti, in modo da poter vivere le Alpi nella loro interezza da est a ovest. In questo modo, una nuova pista ciclabile a lunga percorrenza potrebbe dare visibilità ai progetti e alle iniziative locali per lo sviluppo sostenibile. Anche i ciclisti che percorrono lunghe distanze possono scoprire e vivere il patrimonio culturale delle Alpi lungo il percorso, ad esempio assaggiando le specialità culinarie delle diverse regioni. Inoltre, insieme alle escursioni a piedi, andare in bicicletta è la forma di trasporto turistico locale più ecologica.

Sondaggio su Velo Alpina

Per raccogliere idee, desideri e suggerimenti per una Velo Alpina, la CIPRA lancia un sondaggio al quale possono partecipare tutti gli interessati all’idea. È possibile accedervi tramite il seguente link: cipra.typeform.com/to/gsZkATBi

Il progetto per lo studio di fattibilità è reso possibile dal sostegno finanziario del Ministero federale tedesco per l’ambiente, la conservazione della natura e la sicurezza nucleare (BMU).